SIRIA: Stiamo armando i terroristi

293457-syria-civil-warGià il governo Monti – così come il governo Berlusconi con la guerra alla Libia – ha contribuito a fomentare la guerra alla Siria, riconoscendo la cosiddetta “Coalizione nazionale siriana” e “Esercito di Liberazione Siriano” come “unici rappresentanti del popolo siriano”, imponendo sanzioni ed embarghi – che hanno già affamato la popolazione siriana – e – addirittura – negando il visto di ingresso a parlamentari siriani che dovevano incontrare loro colleghi italiani. E tutto questo in spregio all’art. 11 della Costituzione e in assenza di qualsiasi voto del Parlamento italiano.

Oggi, ancora peggio, la vicaria del viceministro Marta Dassù, in Lussemburgo, insieme agli altri ministri degli esteri dell’ Unione Europea, sta decidendo di togliere l’ embargo “ufficiale” di armi ai”ribelli” in Siria oltretutto guidati sul terreno  da gruppi jihadisti.

 

FERMIAMO IL GOVERNO

Partecipiamo alla manifestazione, indetta dalla Rete No War che si terrà davanti al Parlamento

Inviamo alla vicaria del viceministro Marta Dassù,

simona.demartino@esteri.it

una mail di protesta incollando il seguente testo e firmandolo.

— —- —

OGGETTO: IL GOVERNO USCENTE NON COMPIA L’ATTO GRAVISSIMO DI INVIARE ARMI IN SIRIA!!!!

 

Siamo cittadini italiani rispettosi dell’art. 11 della Costituzione, troppe volte violato dai governi italiani, anche in tempi recentissimi. Siamo stati testimoni di comportamenti arbitrari dell’ex ministro Terzi, in assenza di qualunque riscontro parlamentare. EGLI HA CONTRIBUITO A FOMENTARE LA GUERRA IN SIRIA. L’Italia come altri paesi si è macchiata di una gravissima responsabilità. Invece di negoziare per la pace, come chiedono in tanti, ha seguito la linea delle petromonarchie e di alcuni paesi europei più gli USA.

L’ultima riunione, a Istanbul, ne è una prova. La viceministro Dassù è andata senza alcun mandato parlamentare e senza che il parlamento sappia nulla.

Domani in Lussemburgo i ministri degli esteri discuteranno anche dell’embargo alle armi verso la Siria, che Uk e Francia chiedono insistentemente di allentare per poter armare l’opposizione, che è oltretutto guidata sul terreno  da gruppi jihadisti.

Come cittadini italiani esigiamo che il governo uscente NON compia l’atto gravissimo DI DIRE SI’ ALLA RIMOZIONE DELL’EMBARGO.

L’Italia smetta di parlare ipocritamente di cessate il fuoco mentre agisce in tutt’altro modo!

 

firmato

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...