No alla guerra alla Siria alimentata dal ministro Terzi

img1024-700_dettaglio2_Giulio-Terzi-ministro-EsteriIl 28 febbraio il ministro tecnico e uscente Terzi convoca a Roma undici paesi sostenitori dell’opposizione armata in Siria e proporrà un maggiore aiuto militare, che fomenterà la guerra e prolungherà la tragedia (v. qui: http://www.ilmanifesto.it/area-abbonati/in-edicola/manip2n1/20130222/manip2pg/07/manip2pz/336360/

e

http://www.sibialiria.org/wordpress/?p=1306).

Terzi agisce disinformando e nascondendo i crimini commessi dai gruppi armati.

La Rete No War Roma chiede a cittadini e gruppi di mandare agli uffici del ministro tecnico e uscente Terzi

segreteria.terzi@esteri.it; gabinetto.ministro@cert.esteri.it;gabinetto@esteri.it;giulio.terzi@esteri.it; poi anche al ministro Riccardi:

segreteria.ministroriccardi@governo.it

e chi ha facebook vada sulla pagina del Terzi e mandi il seguente messaggio mettendo nell’Oggetto questo testo:

A Terzi: illegale il sostegno a gruppi armati in Siria!

Ed ecco il testo da incollare e mandare con le vostre firme al fondo:

CITTADINI ITALIANI AL MINISTRO USCENTE E TECNICO TERZI E AL GOVERNO TECNICO E USCENTE MONTI:

E’ ILLEGALE E IMMORALE ARMARE L’OPPOSIZIONE IN SIRIA. BASTA FOMENTARE LA GUERRA E I GRUPPI JIHADISTI! SI’ A UN VERO NEGOZIATO DI PACE SULLA BASE DELLA CONFERENZA DI GINEVRA DEL GIUGNO 2012

Il ministro tecnico e uscente Terzi ha già dichiarato che il 28 febbraio 2013 alla riunione degli «undici paesi più coinvolti nella gestione della crisi siriana» proporrà maggiori aiuti militari («assistenza tecnica, addestramento, formazione») ai gruppi armati dell’opposizione.

Ricordiamo al ministro tecnico e uscente che armare l’opposizione armata è anti-umanitario, perché significa a) fomentare la guerra e prolungare la tragedia in Siria, b) aiutare gruppi responsabili di attentati, massacri di civili, torture ed esecuzioni come ormai affermano perfino i media (anche se il ministro nasconde tutto ciò), c) boicottare ogni spazio negoziale serio sulla base degli accordi di Ginevra del giugno 2012.

Invitiamo, come cittadini italiani, il ministro uscente Terzi e il suo governo tecnico a non prendere decisioni così gravi che  impedirebbero qualunque spiraglio negoziale e finirebbero per armare gruppi stragisti.

Ricordiamo al governo uscente e al ministro uscente che questo operato non solo fomenta gli scontri ma viola leggi italiane e internazionali. Fra queste la legge italiana 185/1990 sul commercio delle armi.

Ricordiamo al governo uscente e al ministro uscente che l’art. 286 del Codice penale italiano punisce con l’ergastolo “Chiunque commette un fatto diretto a suscitare la guerra civile nel territorio dello Stato”, norma che, per analogia, dovrebbe applicarsi anche a paesi terzi.

Ricordiamo al governo uscente e al ministro uscente che non solo la Carta dell’Onu impone ai paesi di perseguire politiche estere di pace anziché fomentare guerre, ma la fornitura di armi e risorse a forze che combattono contro un governo riconosciuto dall’Onu è illegale ed è una grave violazione del diritto internazionale.

VOSTRA FIRMA

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...